Prova su strada del Guardian Ray Plus

Avatar utente
Enotria
Senior
Messaggi: 283
Iscritto il: 08/10/2015, 17:15
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Prova su strada del Guardian Ray Plus

Messaggio da Enotria » 22/05/2016, 19:31

Grazie grazie ragazzi, troppo gentili.

E ricordate che se vi servono altre prove, recensioni e quant'altro su salami all'aglio, soppressa veneta, prosciutti S.Daniele e Parma, pancette, ecc. ecc. non fate complimenti, sono a vostra disposizione.


Andrea

URL: [External Link Removed for Guests]

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
Poldo
Messaggi: 44
Iscritto il: 09/03/2016, 0:15
Località: Tre Case (MO)

Re: Prova su strada del Guardian Ray Plus

Messaggio da Poldo » 22/05/2016, 19:43

Fammi capire un particolare.
Volete dire ches e io metto il Guardian dentro una stanza vuota e poi a 2,50 metri gli metto il campione radioattivo, quello mi sa dire se c'è o non c'è ?

Ma cosa usi, na bomba atomica ?



Avatar utente
Enotria
Senior
Messaggi: 283
Iscritto il: 08/10/2015, 17:15
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Prova su strada del Guardian Ray Plus

Messaggio da Enotria » 22/05/2016, 23:25

Esattamente, ma NON subito.

Nel mio caso, subito ho avuto una lettura che continuamente cambiava da 12 microR/h a 25 microR/h (circa). In questo modo non puoi notare proprio nulla.
Ma se utilizzi la media progressiva, dopo 2/3 minuti vedi che il valore si stabilizza, in un caso a 19 microR/h, nell'altro va a 23 e da li non si sposta.

Avevo già visto su altri strumenti la soluzione del Tempo di campionamento variabile con l'intensità di radiazione, invece non avevo mai visto applicata la media progressiva.
Devo dire che è molto comoda e che fa risparmiare un sacco di tempo: quando la lettura si stabilizza ti puoi fermare e prendere per buona la misurazione. Così, senza perdere altro tempo, passi subito ad un altra misurazione, MA, deve essere possibile resettare il totalizzatore e ripartire da capo: nuovo campione, nuova media.



Andrea

URL: [External Link Removed for Guests]

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
Studio 1
Messaggi: 736
Iscritto il: 09/11/2015, 16:48
Località: Vicenza
Contatta:

Re: Prova su strada del Guardian Ray Plus

Messaggio da Studio 1 » 23/05/2016, 10:21

Enotria ha scritto:Esattamente, ma NON subito.

Nel mio caso, subito ho avuto una lettura che continuamente cambiava da 12 microR/h a 25 microR/h (circa). In questo modo non puoi notare proprio nulla.
Ma se utilizzi la media progressiva, dopo 2/3 minuti vedi che il valore si stabilizza, in un caso a 19 microR/h, nell'altro va a 23 e da li non si sposta.

Avevo già visto su altri strumenti la soluzione del Tempo di campionamento variabile con l'intensità di radiazione, invece non avevo mai visto applicata la media progressiva.
Devo dire che è molto comoda e che fa risparmiare un sacco di tempo: quando la lettura si stabilizza ti puoi fermare e prendere per buona la misurazione. Così, senza perdere altro tempo, passi subito ad un altra misurazione, MA, deve essere possibile resettare il totalizzatore e ripartire da capo: nuovo campione, nuova media.
Grande Andrea , esaustiva la tua prova .... ( perdona la mia ignoranza in materia ) l'unica cosa che non mi è chiarissima e questa " media progressiva " sembra un sistema molto efficiente .... quindi vorrei chiederti se è applicabile a qualsiasi ratemeter o scaler ....


[External Link Removed for Guests]" onclick="window.open(this.href);return false;
[External Link Removed for Guests]#_=_" onclick="window.open(this.href);return false;

Avatar utente
Giulio
Messaggi: 279
Iscritto il: 16/03/2016, 14:54
Località: Padova

Re: Prova su strada del Guardian Ray Plus

Messaggio da Giulio » 23/05/2016, 18:31

Grazie della recensione Enotria è sempre un piacere leggere i tuoi scritti.



Avatar utente
Enotria
Senior
Messaggi: 283
Iscritto il: 08/10/2015, 17:15
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Prova su strada del Guardian Ray Plus

Messaggio da Enotria » 23/05/2016, 18:54

Si, è un sistema molto efficace, ma va utilizzato con un minimo di buon senso.

Ad esempio, metti di dover valutare un ambiente: per prima cosa fai il controllo del fondo, quindi va benissimo utilizzare la media progressiva. Dopo un paio di minuti vedi già che la lettura è stabile, per cui la prendi per buona e passi a controllare la collezione di orologi che il cliente ha in una vetrina.
Attento, ti sei ricordato di azzerare la media ?
Perché altrimenti, mediando con il fondo, non ti accorgeresti del valore alto causato da alcuni orologi al radio: la lettura è per forza bassa, perché una sola lettura alta viene mediata con diverse letture basse e, se ti fidi così, è evidente che prendi una cantonata.

Non per nulla i buoni ratemeter che prevedono una forma di elaborazione dei dati (la media progressiva non è certo l'unico metodo utilizzato) hanno sempre ben in vista il tasto del Reset e, se siete previdenti, nel passare da una misurazione all'altra, andrebbe sempre premuto.

Questo tipo di elaborazioni sono molto interessanti e possono essere anche molto efficaci, ma attenzione a non utilizzarle a sproposito.
Se vi ricordate, il buon andreacos, tempo fa aveva cominciato una importante discussione sulla Metodologia delle Rilevazioni [Local Link Removed for Guests] ed aveva introdotto il concetto di Analisi Statistica proprio al duplice scopo di avere da una parte una maggiore precisione e, contemporaneamente, anche una maggior rapidità nei rilievi.

Probabilmente, allora la maggioranza di noi non era ancora pronta per quegli argomenti, fatto sta che il tema è stato abbandonato. Ma oggi ?

Chiedi se tutti i ratemeter possono sfruttare queste tecniche: tante delle marche note le usano già, magari più semplificate, ma l'utilizzo dei processori programmabili o delle schede simil Arduino hanno reso l'elaborazione statistica già perfettamente sfruttabile.
Quando, diversi anni fa, ho costruito il mio geiger con Arduino, non ho preso in considerazione questi accorgimenti ma, vai tranquillo, che se dovessi farlo oggi, qualche bel giochino me lo inventerei !

Ad esempio, l'evoluzione logica della media progressiva, per le nostre esigenze, potrebbe essere l'Analisi Sequenziale:
Analisi Sequenziale.JPG
dove la linea a zig zag nera è la nostra sequenza di misure ed il campo tratteggiato è la zona di indeterminatezza.
Appena la linea delle misurazioni esce dal campo indeterminato, le misurazioni sono terminate !



Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.


Andrea

URL: [External Link Removed for Guests]

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
Studio 1
Messaggi: 736
Iscritto il: 09/11/2015, 16:48
Località: Vicenza
Contatta:

Re: Prova su strada del Guardian Ray Plus

Messaggio da Studio 1 » 23/05/2016, 22:13

Grazie Andrea .... farò delle prove per vedere se ho capito questa tecnica di misura.....


[External Link Removed for Guests]" onclick="window.open(this.href);return false;
[External Link Removed for Guests]#_=_" onclick="window.open(this.href);return false;

Avatar utente
Francesco
Messaggi: 919
Iscritto il: 10/10/2015, 12:46

Re: Prova su strada del Guardian Ray Plus

Messaggio da Francesco » 26/05/2016, 22:08

Ottimo Enotria, grazie per la prova e grazie anche a GuardianRay per avere messo a disposizione un esemplare.
L'aggiornamento del software (es. via pc) secondo me è una cosa da sperimentare/implementare non ho visto molti geiger con questa capacità.


I nostri successi e i nostri fallimenti sono tra loro inscindibili, proprio come la materia e l'energia. Se vengono separati, l'uomo muore. Nikola Tesla


Avatar utente
corvinus
Messaggi: 62
Iscritto il: 17/05/2016, 17:17
Località: Verona

Re: Prova su strada del Guardian Ray Plus

Messaggio da corvinus » 04/06/2016, 16:48

Però , non sapevo ci fossero anche dei progettisti di contatori geiger qui nel forum !
Interessante direi



Rispondi

Torna a “Strumenti Tascabili”