Fuoriuscita di materiale radioattivo in aria?

Rispondi
I3BZK
Messaggi: 167
Iscritto il: 29/09/2017, 20:09

Fuoriuscita di materiale radioattivo in aria?

Messaggio da I3BZK » 03/06/2019, 22:02

Premetto che ho un sistema di misurazione ambientale con 3 x sbm20 installato all'esteno ed on-line 24/24 su radmon.org. Lo potete vedere sulle statistiche di BZK .Oggi guardando i tracciati ho visto un picco di radiazione gamma, circa 1/2 maggiore del fondo naturale, nella mattinata di ieri 02 giugno. Ho allora verificato i dati rilevati direttamente dalle sonde e registrati in locale ed ho notato che i picchi erano 3, uno principale di circa 2 volte il fondo ed altri 2 minori, tutti tra le 10 e le 11 ora locale. Diversamente dai picchi rilevati da fenomeni piovosi e causati dal decadimento del radon, questi erano temporalmente stretti e non con forma di gaussiana allargata. Ieri non è piovuto e la giornata era ottima. Sembrerebbero 3 "zaffate" di cui la prima molto maggiore della seconda e la terza ancora minore.
E' la prima volta in 2 anni di monitoraggio on-line che noto un incremento radioattivo non legato alla pioggia.
Qualche idea?



Avatar utente
marconmeteo
Moderatore
Messaggi: 3894
Iscritto il: 08/10/2015, 21:20
Località: Marcon (VE)
Contatta:

Re: Fuoriuscita di materiale radioattivo in aria?

Messaggio da marconmeteo » 04/06/2019, 12:16

Una volta ho letto qualcosa su dei gamma burst provenienti dallo spazio ma non so se rilevabili con normale strumentazione e se possa essere questo il caso.


[External Link Removed for Guests]

"Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo all'universo ho ancora dei dubbi" - Albert Einstein


IU3ARP

I3BZK
Messaggi: 167
Iscritto il: 29/09/2017, 20:09

Re: Fuoriuscita di materiale radioattivo in aria?

Messaggio da I3BZK » 04/06/2019, 18:52

Potrebbe essere ma il fenomeno era di qualche decina di minuti a picco, 1 ora in totale. Diciamo anche che, ben schermati, ci sono a 4 metri alcuni minerali ben attivi, acquistati o trovati. Non mi danno però alcun incremento al fondo, data la schermatura e la distanza. Fosse anche radon che decade sopra il sensore data la sua cinetica non creerebbe di certo picchi stretti. Tendo quindi ad escludere questa fonte.



Avatar utente
marconmeteo
Moderatore
Messaggi: 3894
Iscritto il: 08/10/2015, 21:20
Località: Marcon (VE)
Contatta:

Re: Fuoriuscita di materiale radioattivo in aria?

Messaggio da marconmeteo » 04/06/2019, 20:36

So che cè una rete di rilevamento europea i cui dati sono visibili online (ma adesso non ricordo il link), sarebbe da vedere se ha rilevato qualcosa più o meno nel periodo.


[External Link Removed for Guests]

"Due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo all'universo ho ancora dei dubbi" - Albert Einstein


IU3ARP

Avatar utente
Datman
Messaggi: 335
Iscritto il: 29/09/2016, 22:33
Località: ROMA
Contatta:

Re: Fuoriuscita di materiale radioattivo in aria?

Messaggio da Datman » 05/06/2019, 10:19

Mah... Considera che la scala è ingannevole, perché è espansa, e il picco "altissimo" rappresenta, in realtà, un aumento del 25%.


Gianluca
Canale Youtube: [External Link Removed for Guests]

I3BZK
Messaggi: 167
Iscritto il: 29/09/2017, 20:09

Re: Fuoriuscita di materiale radioattivo in aria?

Messaggio da I3BZK » 07/06/2019, 17:06

[Local Link Removed for Guests] ha scritto: [Local Link Removed for Guests]
05/06/2019, 10:19
Mah... Considera che la scala è ingannevole, perché è espansa, e il picco "altissimo" rappresenta, in realtà, un aumento del 25%.
Sui dati filtrati di radmon si ma su quelli locali grezzi (dove si vedono 3 picchi) l'incremento è del 50 %
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.



Avatar utente
Teslacoil
Messaggi: 219
Iscritto il: 01/12/2015, 0:43
Località: Paderno Dugnano
Contatta:

Re: Fuoriuscita di materiale radioattivo in aria?

Messaggio da Teslacoil » 08/06/2019, 23:42

Hai pensato alla possibilità che fossero radiazioni sparate dall' uomo per scopi tecnici (es, radiografia o gammagrafia su parti metalliche).

Facendosi due conti al volo, un incremento del 50% della radiazione di fondo corrisponde a quello che ti prenderesti ponendoti davanti al fascio di una macchina radiografica industriale
da 200kV - 10mA con interposta una schermatura da 20mm di acciaio alla distanza di 1,5km.

tieni presente che 200kV - 10mA con tempo di esposizione di alcuni minuti sono valori totalmente plausibili per la radiografia industriale di 20mm di acciaio (ad esempio la classica radiografia
per analizzare se la saldatura sul tubo dell' acquedotto o del metanodotto è stata fatta correttamente) e che nel raggio di 1,5km è possibile che ci sia una pipeline importante che richieda ispezione radiografica alle giunte.

PS: considera che di radiografie di ispezione ne fanno alcune, tutte ad angolazioni differenti: se è stata realmente una radiografia industriale è normale avere rilevato tre picchi di differente
ampiezza di qualche minuto di durata entro un tempo totale attorno all' ora.



I3BZK
Messaggi: 167
Iscritto il: 29/09/2017, 20:09

Re: Fuoriuscita di materiale radioattivo in aria?

Messaggio da I3BZK » 09/06/2019, 18:22

[Local Link Removed for Guests] ha scritto: [Local Link Removed for Guests]
08/06/2019, 23:42
Hai pensato alla possibilità che fossero radiazioni sparate dall' uomo per scopi tecnici (es, radiografia o gammagrafia su parti metalliche).

Facendosi due conti al volo, un incremento del 50% della radiazione di fondo corrisponde a quello che ti prenderesti ponendoti davanti al fascio di una macchina radiografica industriale
da 200kV - 10mA con interposta una schermatura da 20mm di acciaio alla distanza di 1,5km.

tieni presente che 200kV - 10mA con tempo di esposizione di alcuni minuti sono valori totalmente plausibili per la radiografia industriale di 20mm di acciaio (ad esempio la classica radiografia
per analizzare se la saldatura sul tubo dell' acquedotto o del metanodotto è stata fatta correttamente) e che nel raggio di 1,5km è possibile che ci sia una pipeline importante che richieda ispezione radiografica alle giunte.

PS: considera che di radiografie di ispezione ne fanno alcune, tutte ad angolazioni differenti: se è stata realmente una radiografia industriale è normale avere rilevato tre picchi di differente
ampiezza di qualche minuto di durata entro un tempo totale attorno all' ora.
Entro 1.5 km, ma anche 800m, ho una zona industriale e quindi la cosa è plausibile. Non ci avevo proprio pensato. Se è cosi, però, che dose si beccano coloro che si trovano a qualche decina di metri di distanza visto che l'attenuazione è una funzione quadratica? Mi vien da pensare che non abbiano utilizzato una adeguata schermatura...



Rispondi

Torna a “Ambiente”